Home Progetti
Dove operiamo PDF Stampa E-mail

INFINITI PONTI Onlus gestisce dei progetti di sviluppo in diversi territori del Terzo Mondo, collaborando al lavoro che è fatto sul campo dai missionari legati alla Diocesi di Venezia.


IN KENIA
Da oltre 10 anni la Diocesi di Venezia sostiene lo sviluppo della parrocchia S. Mark di Ol Moran, nel territorio della Diocesi di Nyahururu, in Kenia, anche attraverso la presenza di alcuni sacerdoti e laici fidei donum.
Territorio semiarido, in una zona decentrata rispetto ai centri urbani, Ol Moran è un villaggio nella savana a 2000 metri d'altezza su un vasto altopiano brullo.
La parrocchia è il fulcro di numerose attività, tra cui la gestione di un dispensario sanitario (dove operano le suore Ancelle della Visitazione), di una falegnameria, e la promozione di programmi "Food for Work".
Da sempre vicina alle necessità delle diverse scuole del territorio, interviene anche nella costruzione di pozzi d'acqua e di cappelle decentrate.
Di recente, anche in seguito agli episodi di scontri etnici avvenuti al'inizio del 2008, la parrocchia sta investendo molto in programmi di formazione di giovani e adulti.


IN THAILANDIA
Nel 2000 è stato stipulato un accordo di collaborazione missionaria tra il Vescovo di Chiang Mai (Thailandia) e i Vescovi delle diocesi del Triveneto. I Vescovi si sono impegnati a sostenere l'attività missionaria di una parrocchia vastissima in una zona ai confini con la Birmania chiamata Chae Hom, comprendente 300 villaggi di profughi provenienti da ogni parte. Insieme all'impegno di sostenere la missione con l'invio di sacerdoti e laici "fidei donum", le diverse diocesi sono chiamate a sostenere economicamente i progetti di sviluppo che i missionari stanno realizzando nel territorio.
I progetti consistono nel sostegno all'istruzione di alcuni bambini ospitati in un centro all'interno della parrocchia, dove vivono e studiano, nell'aiuto alla popolazione dei villaggi nell'attrezzare i tetti della capanne per la raccolta dell'acqua piovana. Per realizzare le attività i missionari necessitano anche di un sostegno economico rispetto alle spese per i trasporti e per la costruzione di semplici edifici da adibire a cappella.